Libri

 

 


Casa editrice
il Saggiatore
Collana Nuovi Saggi Scienza
Pagine 384
€ 22,00
ISBN 88-428-1364-8
ottobre 2006

 

 

Fred Pearce
Un pianeta senz’acqua
Viaggio nella desertificazione contemporanea

«Il Nilo in Egitto, il Fiume Giallo in Cina, l’Indo in Pakistan, il Colorado e il Rio Grande negli Stati Uniti: tutti questi fiumi si stanno trasformando in sabbia, a volte a centinaia di chilometri dal mare. Prese una per una sono storie interessanti, ma nel loro insieme con-
figurano qualcosa di peggio: una sorta di cataclisma si sta abbattendo sui fiumi del pianeta»
.

Le mappe dei nostri atlanti non corrispondono più alla realtà, i laghi e i mari interni stanno scomparendo, le falde sotterranee si svuotano e i fiumi si insabbiano prima di arrivare alla foce. Nel 2025 tre miliardi di persone si troveranno a fronteggiare siccità croniche e lo spettro di guerre per l’acqua. Una situazione drammatica, di cui solo pochi si preoccupano. Il giornalista inglese Fred Pearce, da sempre impegnato sul fronte della salvaguardia dell’ambiente, ha viaggiato in tutto il mondo per documentare un cataclisma che colpisce ormai tutti i maggiori fiumi, dal Nilo al Fiume Giallo. Le cause di questa crisi idrica sono molteplici, fra queste gli sprechi, una serie di progetti inge-gneristici sbagliati, le colture ad alto rendimento che hanno salvato una generazione dalla carestia ma ora stanno causando una progressiva desertificazione. Per irrigare le loro colture, India, Cina e
Pakistan consumano metà di tutta l’acqua disponibile sul pianeta.

Fred Pearce vive a Londra ed è un giornalista che si occupa di ambiente, scienza e sviluppo. Negli ultimi quindici anni ha lavorato in 55 paesi. È consulente ambientale per la rivista New Scientist, e scrive regolarmente su Independent, Times Higher Education, Supplement, Boston Globe, High Life, Country Livinged Ecologist. Nel 2001 è stato nominato Giornalista ambientale dell’anno in Gran Bretagna. Ha vinto il Peter Kent Conservation Book Award e il TES Junior Information Book Award. È autore di tredici libri su temi ambientali.

 


*****************************************************************************************************

DOMENICO FINIGUERRA, Sindaco di Cassinetta,

pubblica un bel libro on line .

E’ necessario che questo esempio venga seguito da altri. Per questo divulghiamo

domenico-finiguerra-terra-un-bene-comune-da-preservare-lesperienza-di-cassinetta-di-lugagnano

*****************************************************************************************************

Il problema del nucleare non è solo quello delle scorie: interessante e documentata

Vandana Shiva “Ritorno alla terra” Fazi editore – 2009-

L’indiana Vandana Shiva, fisica e attivista ambientalista, è tra i leader dell’International Forum on Globalization. La Sala Gialla è gremita, e ad attenderla insieme a Petrini, per discutere del suo nuovo libro Ritorno alla terra. La fine dell’ecoimperialismo, c’è il regista Ermanno Olmi, autore del documentario sui piccoli produttori di Slow Food Terra Madre, in programma venerdì 15 maggio al Cinema Massimo.

Ritorno alla Terra. La fine dell’ecoimperialismo

di Shiva Vandana

 

Ritorno alla Terra. La fine dell'ecoimperialismo di Shiva Vandana

Dettagli del Libro:
 

Autore:  Shiva Vandana

Editore:  Fazi

******************************************************************************************************

 

“COMPENSAZIONE ECOLOGICA PREVENTIVA” di Paolo PILERI
Carocci editore Roma.

Stop al consumo di suolo

Recensione di Domenico CENA.domenico-cena-recensione-del-libro-di-pileri-compensazione-ecologica-preventiva-per-conferenza-6-marzo-09

************

L’ acqua è una merce. Perché è giusto e possibile arginare la privatizzazione

Martinelli Luca

Edizioni Altreconomia 2010 euro 10,00

L’acqua è ormai una merce. E con la benedizione di politici e media si appresta a diventare – da bene comune e diritto di tutti – un affare per pochi. Una torbida verità la cui fonte è la recente riforma dei servizi pubblici locali. Questo libro ricostruisce la storia della privatizzazione dell’acqua in Italia dal 1994 a oggi, dimostrando come e perché la gestione pubblica degli acquedotti può essere la più efficiente. Per tenere, come scrive Erri De Luca nel prezioso testo inedito che apre il libro, “il conto delle gocce”. «L’acqua è un bene comune. Privatizzarne la gestione vuol dire mercificare un diritto. Ma un diritto non si vende, semmai si tutela. Se il mercato vuol farci pagare l’acqua, come fosse un prodotto qualsiasi, noi rispondiamo: l’acqua è già nostra, l’acqua è di tutti noi». Luca Martinelli è giornalista e redattore del mensile “Altreconomia”. Ha svolto ricerche in ambito universitario sulla privatizzazione dei servizi pubblici locali. È esperto delle tematiche legate all’acqua.

*****************************************************************************************

Ringraziamo Maurizio Pallante, autore e rappresentante della teoria politica della Decrescita.

Invio in allegato la copertina e la scheda di presentazione del mio nuovo libro, “I trent’anni che sconvolsero il mondo”, appena pubblicato.scheda editore(2)

Un caro saluto

Maurizio Pallante


***************************************************************************************************************

Si è svolta a Santhià , venerdì 18 febbraio, una serata organizzata da Sinistra ecologia e libertà con l’intervento dell’architetto Mauro Giudice che Movimento Valledora apprezza e conosce. Ex funzionario della regione Piemonte, è autore di numerose pubblicazioni, e , oltre ad altri studi, di “Ipotesi di Piano strategico della Valledora” . Commissionato dall’ Assessore all’ambiente dott. Sergio Conti, nel 2008.,VALLEDORA_def, non vennero mai sottoscritti, di comune accordo, i protocolli di intesa né dalla province di Biella e Vercelli né dai comuni interessati.

Tra le opere dell’autore : “Il consumo di suolo in Italia”

Analisi e proposte per un governo sostenibile del territorio – • Tutela del paesaggio per ridurre il consumo di suolo • Consumo sostenibile del territorio • Urbanistica ed economia • Politiche e azioni parallele e complementari

“La riduzione della diffusione urbana e della frammentazione dei paesaggi naturali costituisce, infatti, un impegno decisivo quando si vogliono garantire potenzialità di sviluppo adeguate per le generazioni future in coerenza con il principio della sostenibilità“.

http://www.sistemieditoriali.it/catalogo/vse_a26.htm

Agli esponenti politici presenti abbiamo chiesto di rilanciare questa Ipotesi di studio della Valledora per garantire la vivibilità della zona della Valledora e dei paesi limitrofi.Movimento Valledora ritiene, infatti, che le Amministrazioni locali non stiano muovendosi con oculatezza a garanzia della qualità della vita degli abitanti di questo territorio.

—————————————————————————————————————————————————

“MENO 100 kg, ricette per la dieta della nostra pattumiera”

di Roberto Cavallo – Edizioni Ambiente, 2011

Recensione di Emanuela Rosio

Come spiegare ad un bambino la strategia europea sulla riduzione dei rifiuti? Forse ricordando i gesti di un nonno che non ha conosciuto. Quel nonno che passava ore curvo su un gradino a raddrizzare i chiodi che toglieva dalle travi per poi metterli a seconda delle dimensioni in un barattolo che era stato della nutella. Un’immagine che più di ogni altra spiega una delle 4 R della strategia Europea per ridurre il nostro impatto sull’ambiente. La R del riuso, quel riuso di oggetti che implica una creatività notevole, innata nel mondo contadino di un tempo. La forza del testo di Roberto Cavallo è qui, in questa capacità di rendere concreta una materia non troppo semplice, di trasformarla in gesti quotidiani. Un problema da risolvere che diventa una parola di dominio comune, che tocca tutti. La gestione dei rifiuti che metaforicamente diventa un problema di darsi delle regole, di mettersi a dieta. Come si fa d’estate prima di andare al mare, o almeno come tutti provano a fare. E mettersi a dieta vuol dire iniziare a pensare a che cosa buttiamo e vedere se queste cose sono proprio necessarie o se possiamo cambiare i nostri comportamenti e ridurre il giro vita anche della nostra pattumiera. Una riflessione leggera che tocca il nostro futuro, che interrompe per un attimo i festeggiamenti del Titanic per mettere in dubbio la rotta, per dire che forse siamo ancora in tempo per deviare dall’iceberg che ci aspetta.

E allora proviamo a chiederci che cosa è l’usa e getta, che cosa sono i prodotti che compriamo e se non c’è un’alternativa meno impattante sull’ambiente. Quasi come un gioco che tocca tutte le stanze della casa. E ecco che, nel testo, troviamo i consigli sui prodotti di pulizia fai da te, sullo yogurt fatto in casa, sul compostaggio domestico da fare nel giardino, su come riusare e ridurre gli oggetti quotidiani.

Il libro scorre dunque leggero, riprendendo lo spettacolo teatrale omonimo in cui le idee diventano suggerimenti concreti per cambiare le proprie scelte di acquisto, con salti nel passato familiare dell’autore e rimandi alla legislazione corrente e all’esperienza professionale di Roberto Cavallo (Presidente di ERICA soc. coop, società che progetta servizi e realizza campagne di comunicazione ambientale), in un alternarsi tra parti descrittive e parti maggiormente didattiche.

Può dunque interessare sia chi cerca consigli utili in tema di riduzione dei rifiuti, sia chi cerca una pagina letteraria in grado di evocare tempi passati con un’efficacia notevole, soprattutto dal punto di vista della capacità di trasmettere immagini e sensazioni descritte con minuzia di particolari e sensi.

Il libro si può acquistare a prezzo scontato di 12 euro (anziché 14) fino al 5 settembre inviando una mail a amministrazione@cooperica.it. L’uscita in libreria è prevista per il prossimo 7 settembre.

Per ulteriori informazioni: ERICA soc. coop., tel 0173.33777 – www.cooperica.it, amministrazione@cooperica.it.


Lascia un Commento